La serie TV di Leah Remini smascherata

Sezione: 

Dodici video scioccanti smascherano la frode che si nasconde dietro il suo programma televisivo fazioso e carico di odio

Leah ReminiLa serie tv di Leah Remini per la A&E è stata smascherata come “reality” fasullo che asseconda asserzioni false ed esagerate da parte di soggetti “non verificati”.

La realtà è che quel programma televisivo dista anni luce da un'immagine corretta della Chiesa di Scientology e non ha altro scopo se non quello di ingenerare odio nei suoi confronti. Tali rivelazioni non provengono dalla Chiesa, ma proprio da uno degli individui che Leah Remini ha tentato di reclutare per la "squadra ideale" della sua produzione: un gruppo di anti-scientologist che lucrano sugli attacchi alla Chiesa.

Leah Remini: fare soldi incitando all'odio

Sezione: 

Il suo programma televisivo ha generato discriminazione,
 minacce di morte e atti vandalici negli Stati Uniti

Leah ReminiUn canale tv italiano a pagamento ha messo in onda una serie televisiva di 7 puntate intitolata “La mia fuga da Scientology”.

La serie è stata prodotta negli Stati Uniti col titolo “Leah Remini: Scientology and the aftermath” [Leah Remini: Scientology e le conseguenze] ed è stata trasmessa agli inizi del 2016.

ANTISETTE contro ANTISETTE

Vecchie idee e nuovi contrasti nel controverso mondo degli “antisette”

Carmine Gazzanni ha scritto un altro articolo, pubblicato da “La Notizia” col titolo “Da Scientology ai santoni, nel silenzio del Governo. Le sette guadagnano adepti e lo Stato sta a guardare”, per dare voce ai gruppi “antisette” nostrani (CeSAP e FAVIS) e alla capofila europea FECRIS, che, infastidita dalle pesanti critiche che si levano da molte NGO di tutta Europa, ha reagito lamentandosi con le autorità italiane.

Un redattore prigioniero del pregiudizio

Sezione: 

Fa caldo, in redazione non c’è nessuno, ma per lui, Antonio Materi, detto Nino, redattore di cronache italiane, la giornata di lavoro è già iniziata e sembra che non sarà una delle migliori. Le finestre sono chiuse, sui tavoli il consueto disordine di fogli, cartelle, riviste, biscotti, tazzine di caffè in equilibrio precario, anche un elmetto giallo da operaio di cantiere.

Le cantonate di Lawrence Wright

Sezione: 

Scientology è un soggetto sempre più conosciuto. Sempre più spesso è un argomento di interesse per i media. Ovviamente, vista la natura dei media quale mezzo aberrato di comunicazione, non ci si può aspettare che riferiscano la verità dei fatti, specie quando tali fatti sono positivi: le buone notizie e i media sono soggetti che non si incontrano quasi mai. Però è un dato di fatto che Scientololgy è ormai conosciuta in ogni paese del mondo.

L’Airone che non vola

Sezione: 

Ancora una volta un media ha scelto la comoda via di scrivere quel che gli è parso conveniente riguardo Scientology, pubblicando senza contraddittorio le solite notizie scorrette, basate su “informazioni” viziate, più volte smentite, in barba al dovere, che dovrebbe essere sacro per chi fa informazione, di verificare le proprie fonti e le informazioni che da queste provengono.

La Santona degli anti-sette

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo articolo dall’Ufficio Affari Pubblici della Chiesa di Scientology.

Per l’ennesima volta la televisione di Stato ha scelto di dare spazio a Maria Pia Gardini, fonte già ampiamente screditata e inattendibile di reiterate accuse contro la Chiesa di Scientology.

La Prigione delle “Sette”?

Riceviamo questa interessante documentazione dall’Ufficio Affari Pubblici della Chiesa di Scientology, e volentieri la pubblichiamo.

Ancora una volta la RAI, servizio pubblico che paghiamo con le nostre tasse, ha ritenuto di dover dare voce ad una fonte ampiamente screditata quale la signora Maria Pia Gardini, che non ha perso l’occasione per infangare ancora una volta la religione che ha abbandonato e la Chiesa che l’ha dichiarata persona sgradita.

Critica al Libro “Occulto Italia”

La Chiesa di Scientology ha prodotto e diramato questo documento, autorizzandoci a pubblicarlo, riguardo il controverso libro dei giornalisti Stefano Pitrelli e Gianni Del Vecchio, edito da Rizzoli BUR.

CNN – L'inchiesta parziale – terza e ultima parte

Ruthbun in piscinaLa terza e ultima parte del video riguardante l’inchiesta della CNN, oltre ad evidenziare ulteriormente, che il giornalista americano Anderson Cooper, ha fatto un pessimo lavoro di ricerca, confuta le affermazioni dell’apostata Marty Rathbun riguardo le condizioni di vita e lavoro dei membri di Scientology presso la sede dove lui stesso operava prima di essere espulso dalla Chiesa di Scientology.

Pagine

Subscribe to Verba Volant Scripta Manent RSS

© Verba Volant. Tutti i diritti riservati.